Le origini del Bovaro Bernese sono piuttosto incerte. Nonostante le varie ipotesi, fatte nel corso degli anni dai vari esperti, non vi è nulla di certo. Probabilmente esso esisteva in Svizzera già 4000 anni fa, come cane di piccola taglia, simile ad uno spitz. Successivamente, circa 2000 anni dopo, l’arrivo delle legioni romane, nelle regioni dell’odierna Svizzera, accompagnate dai loro temibili molossi da guerra, portò all’ incrocio tra questi molossi e i cani presenti sul territorio elvetico. Ne nacque, si pensa, un cane della taglia di un molosso ma dal pelo più lungo, più adatto a resistere al clima rigido di quelle regioni. Questa è una delle ipotesi più accreditate sull’origine del Bovaro Bernese. L’unica certezza che abbiamo è quella che il cane che noi oggi amiamo è discendente dai cani allevati dai contadini delle Prealpi bernesi, usato come “tuttofare” , sia per condurre e custodire il gregge, sia per trainare i tipici carretti svizzeri per il trasporto del latte, sia per proteggere le fattorie. Queste mansioni, svolte perfettamente dal nostro amico per secoli, hanno forgiato l’attuale carattere del nostro bernese. Oggi, il nostro bovaro è un cane perfettamente a suo agio sia in campagna, sia in città. Ha un carattere affettuoso, docile e molto dolce con tutti gli appartenenti alla sua famiglia umana; ha un’attenzione e una predisposizione particolare verso i piccini di casa, verso i quali nutre un innato senso di protezione.  Un cane dal carattere socievole, curioso e estremamente attaccato a tutta la famiglia, tanto da farci eccessive feste, anche se ci assentiamo solo per pochi minuti. La sua mole ne fa un buon cane da guardia delle nostre proprietà: sempre vigile e attento a ciò che gli succede intorno, diffidente ma mai aggressivo senza motivo verso gli estranei, coraggioso nella protezione dei suoi affetti.

Come in ogni razza esistono, poi, delle differenze nel carattere tra il maschio e la femmina. Il maschio sarà più attivo e dominante, soprattutto verso i suoi simili. Grazie alla sua mole avrà maggiori attitudini alla guardia e alla difesa della proprietà. Instancabile scavatore di buche. La femmina sarà, invece, più riflessiva e propensa all’apprendimento, più affettuosa verso i bambini. A differenza del maschio, a causa del calore, è soggetta a cambiamenti d’umore.

…………………………………………………………………………………………………………………………………